!-- Menù Orizzontale con Sottosezioni Inizio -->

News

mi piace

martedì 30 agosto 2016

Settembre Musicale a Veruno (NO) - 2016

(a cura di Mimma Zuffi)

Anche quest'anno a Veruno, un grazioso paese sulle colline alle spalle di Arona, potremo godere di tre week end dedicati alla musica. Leggete attentamente il programma e sono certa che non vi lascerete scappare questa occasione!

VER1 MUSICA

Tre week-end all'insegna della musica






















domenica 28 agosto 2016

"Eccomi", di Jonathan Safran Foer

(a cura di Mimma Zuffi)


Guanda   - pagg. 672 - € 22,00


IL RITORNO DI UNO DEI MAGGIORI TALENTI DELLA NARRATIVA AMERICANA. UN LIBRO EVENTO, A 10 ANNI DALL’ULTIMO ROMANZO. IN USCITA CONTEMPORANEA IN USA E ITALIA A FINE AGOSTO 
Lo trovate in libreria a partire da domani 29 agosto
«Eccomi.» Così risponde Abramo quando Dio lo chiama per ordinargli di sacrificare Isacco. Ma com’è possibile per Abramo proteggere suo figlio e al tempo stesso adempiere alla richiesta di Dio? Come possiamo, nel mondo attuale, assolvere ai nostri doveri a volte contrastanti di padri, di mariti, di figli, di mogli, di madri, e restare anche fedeli a noi stessi? Ambientata a Washington nel corso di quattro, convulse settimane, Eccomi è la storia di una famiglia sull’orlo della crisi.


venerdì 26 agosto 2016

giovedì 25 agosto 2016

"Terminus radioso", di Antoine Volodine


 (a cura di Mimma Zuffi)
66thand2nd editore - pagg. 544 - € 20,00

Novità in libreria dal 25 agosto
 Vincitore del Prix Médicis 2014

Appuntamento a Mantova: Domenica 11 settembre -  15.00 • Palazzo Ducale -Portico del Cortile d’Onore •
Antoine Volodine con Marcello Fois : APOCALISSI LETTERARIE

Un libro stupefacente, complesso, denso, che unisce l’iconografia sovietica alle leggende sciamaniche e alla science fiction.  Liberation

In una Russia post-apocalittica, devastata dalle esplosioni nucleari, due uomini e una donna fuggono dopo il crollo dell’Orbisa, ultimo baluardo della Seconda Unione Sovietica, e si avventurano in una steppa contaminata, dominata da una natura selvaggia e mutante. È un regno sterminato, popolato di soldati-fantasma e morti viventi, e costellato di villaggi deserti e centrali nucleari implose, fatta eccezione per Terminal radioso, dove la vita continua a scorrere intorno a una pila atomica sprofondata nel terreno. 

mercoledì 24 agosto 2016

"Storie di rock italiano", di Daniele Bianchessi


(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book -Pagg. 192 - € 18,00

Scritto in punta di penna come fosse un grande romanzo popolare, il libro affronta alcuni degli snodi dell’Italia contemporanea: dal Boom dei consumi dei primi anni Sessanta alla contestazione e le lotte operaie del ’68 -’69, dal giorno dell’innocenza perduta della bomba di piazza Fontana alla strategia della tensione del terrorismo nero, agli anni di piombo del terrorismo rosso, passando per il riflusso e il disimpegno politico degli anni Ottanta; dalla fine del PCI dopo la caduta del muro di Berlino agli anni di Tangentopoli, dalle stragi di mafia del ’92-’93 all’avvento di Berlusconi, fino alla grande crisi internazionale e l’ingresso sulla scena italiana di una nuova classe politica. Sessant’anni di storia italiana attraverso il rock e le canzoni. Un libro unico nel suo genere, dove politici, storici, scrittori, giornalisti e musicisti avviano una narrazione sul nostro Paese attraverso l’evoluzione della musica e dei testi delle canzoni.

"Francesco e il sultano", di Jeusset Gwenolé

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book - pagg. 224 - € 22,00

Nel 1219 Francesco d’Assisi incontra il sultano d’Egitto a Damietta, sulle rive del delta del Nilo, mentre è in pieno svolgimento il bagno di sangue della quinta crociata. Un incontro di pace e benevolenza, che svela pienamente il suo significato ancora oggi, a un trentennio dal grande incontro interreligioso di Assisi del 1986. L’autore analizza le diverse tradizioni letterarie e pittoriche che ricordano l’incontro di Francesco, le ambiguità loro sottese a proposito della «missione» cristiana e le loro conseguenze per l’identità francescana. Giunge a mostrare come questo «faccia a faccia» molto originale tra il Poverello e il nipote del Saladino debba oggi essere considerato un evento fondatore, che può permetterci di riconoscere la «cortesia di Dio» e reinventare una convivenza tra le religioni.


domenica 21 agosto 2016

Significato dietro la "figura"

di Mimma Zuffi



Ti sei mai chiesto che significato c’è dietro la “figura”? Ad ogni modo, al di là del giudizio e al di qua della qualità o dell’impressione, questo significato rende alla parola “vedere” un senso: riappare il problema della percezione. Se convenga chiamare giudizio ogni percezione di un rapporto e dare il nome di visione all’impressione, è certo che l’illusione è un giudizio.   Quest' analisi presuppone, almeno idealmente, uno strato di impressioni in cui le linee principali sarebbero parallele così come lo sono nel mondo – cioè nell’ambiente che noi costruiamo per mezzo di misure -  e presuppone anche una seconda operazione che modifica le impressioni facendo intervenire le linee ausiliarie e falsa in tal modo il rapporto delle linee principali. 

venerdì 19 agosto 2016

I MONTI PALLIDI Storie e leggende delle Dolomiti, di Karl Felix Wolff

(a cura di Mimma Zuffi)

Mursia Editore - pagg. 224 - € 15,00


«L’è na vöya del destin, è una sera del destino. Questa è l’ora in cui le Comelles lasciano le loro grotte in alta quota, salgono sul campo ghiacciato della Fradusta e con i loro incantesimi si divertono a far perdere la ragione agli uomini.»


La magia dei racconti millenari delle Dolomiti, le montagne che il sole ogni sera dipinge di un rosa incantato. Leggende e storie fatate che dai tempi più remoti i ladini tramandano ai figli, e ai figli dei figli. 
Il patrimonio folcloristico di queste antiche genti avvolge queste pagine abitate da re, nani, salvarie, vivane, principesse vanitose che rubano la luce dell’alba, geni delle acque, bregostene che vivono nei boschi, laghi colorati da arcobaleni disciolti.

IL RAGAZZO DELLA QUINTA - Dalla Breda a Fossoli, vita e morte di un gappista, di Marco Manuele Paolini


(a cura di Mimma Zuffi)

Mursia Editore - pagg. 146 - € 14,00

«La Breda era piena di partigiani,
di staffette, di armi.»
«La Breda o la Quinta sezione?»
«La Quinta, è vero, la Quinta era il covo.»

La storia sconosciuta di un gappista ragazzino che s’intreccia con il grande affresco della Resistenza operaia nella Stalingrado d’Italia, Sesto San Giovanni. Felice Lacerra ha solo quattordici anni quando, nel 1941, entra come apprendista operaio nella V sezione Aeronautica della Breda. Nelle fabbriche di Sesto San Giovanni sono attive cellule clandestine del Partito Comunista e del suo braccio armato, i GAP (Gruppi di Azione Patriottica). 



mercoledì 17 agosto 2016

UNA DIVERSA MAPPA DELL'IO, intervista a Giovanna de Montejaisi

(a cura di Mimma Zuffi)


É appena stato rieditato da Bulzoni “IL MEDIATORE. Il ponte dimenticato tra anima e corpo”, un libro particolare cui avevo dedicato dello spazio all'epoca della sua prima uscita. Ma è talmente ampliato,rielaborato e arricchito rispetto alla stesura originaria, che non rischio di ripetermi nell'accoglierlo di nuovo fra queste righe. L'autrice descrive, sinteticamente e con chiarezza, anatomia e funzionamento del nostro “corredo sottile”, che sarebbe tarato sulla legge di armonia (per intenderci quella che regge il mondo atomico e il cosmo).  Qualora l'individuo agisca contro la legge di armonia, l'equilibrio di questo mediatore si altera, impedendogli di assolvere le funzioni di nutrimento, sostegno e informazione: in altre parole ogni disarmonia, ogni “scelta contro” contribuirebbe a indebolirci, disorientarci e ammalarci. E in queste scelte, udite udite, ci sarebbero anche tutte quelle contro se stessi, compresi i rimossi che applichiamo quando la vita ci ferisce. Leggere per  cominciare a capire, provare a cambiare registro per farlo proprio. 

lunedì 15 agosto 2016

ANCHE QUESTO E' AMORE

di Giovanni De Pedro

Finalmente a casa! 
Dopo una giornata di lavoro come maestro in una scuola elementare, tra le corse e le urla sfrenate dei bambini e, finite le lezioni, le grida dei miei colleghi durante la riunione dei professori, ho soltanto voglia di buttarmi sul divano di casa. È bello rientrare e vedere chi amo venirmi incontro per abbracciarmi e sentire il sapore delle sue labbra mentre ci baciamo.

domenica 14 agosto 2016

"PRIMA CHE TORNI LA PIOGGIA", di ELLIOT ACKERMAN

(a cura di Mimma Zuffi)
Longanesi Editore - pagg. 320 - € 16,90

Da un veterano delle guerre in Iraq e Afghanistan, un romanzo definito dalla critica americana uno dei migliori war novel degli ultimi dieci anni:il racconto della tragedia afghana attraverso gli occhi di due fratelli strappati alla pace famigliare e consegnati alla guerra


Prima che torni la pioggia rappresenta appieno l’impatto che decenni di guerra – a partire dall’occupazione sovietica negli anni ’80 – hanno avuto sulla popolazione afghana. Allo stesso tempo si struttura come una sorta di tragedia antica sui sentimenti di violenza e vendetta che consumano famiglie e tribù, generazione dopo generazione. Scrivendo dal punto di vista afghano, Elliot Ackerman racconta l’odio e la tragedia della guerra con un atto sorprendente di empatia e immaginazione, creando un romanzo lirico e di una potenza tale da essere paragonato da alcuni critici americani a Per chi suona la campana.

venerdì 12 agosto 2016

Il volto nero della Repubblica Dominicana

di Raùl Zecca Castel

il corpo di quest'uomo mostra uno stato di denutrizione 
e malnutrizione: il suo lavoro massacrante non è
sufficiente neppure a pagargli un cibo adeguato ai bisogni
In questi luoghi si violano tutti i giorni da sempre i diritti umani fondamentali: non possiamo accettare ancora oggi lo schiavismo, come nell’Ottocento. Pensiamoci, quando usiamo lo zucchero.
mani e machete, strumenti del mestiere

Repubblica Dominicana: dove il mare è sempre vicino e le montagne non sono mai lontane. 

mercoledì 10 agosto 2016

Luisa Spagnoli. Una donna del nostro tempo


Di Annalisa Petrella


Non seguo le fiction televisive, solitamente mi annoiano, a meno che non presentino un personaggio che, a mio avviso, meriti attenzione e che la vicenda non venga diluita in più di due serate.
Incuriosita, ho seguito su Rai 1 la fiction in due puntate dedicata a Luisa Spagnoli, icona storica di uno stile di moda italiano. Ho così scoperto la storia accattivante di una donna di grande spessore che, pur essendo vissuta a Perugia tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento, è dotata di una straordinaria modernità. Alla sua epoca la donna non aveva altra scelta che assecondare il volere del proprio padre e successivamente quella del marito; la Spagnoli si batté per l’affermazione dell’indipendenza femminile attraverso il lavoro. 

martedì 9 agosto 2016

UN BUON DIAVOLO IN AIUTO DEL POPOLO, di Carlo A. Martigli

"Carlo A. Martigli, autore di best seller internazionali come "999 L'Ultimo Custode",   "L'Eretico" "La Congiura dei Potenti" (tutti pubblicati da Longanesi), e da poco tempo "La scelta di Sigmund" (pubblicato da Mondadori), ci ha regalato questa interessante spiegazione."
Mimma Zuffi

Un demonio, Giotto, Cappella degli Scrovegni, Padova

Tra la gente comune si usa ancora l’espressione “è un buon diavolo”. Come riporta il Dizionario Hoepli dei modi di dire, questa locuzione è riferita “a chi ha qualche difetto che comunque gli si perdona, o a una persona limitata e modesta ma buona”. Quindi un’espressione benevola, gentile nei confronti di qualcuno che siamo tranquilli non farà mai del male a noi o ad altri. Ma allora perché usare accanto a “buon” la parola “diavolo”? 

domenica 7 agosto 2016

Violenza sulle donne: una cultura da cambiare

di Tiziana Viganò
Per uscire da una spirale di violenza senza fine

Il femminicidio e la violenza contro le donne derivano da fatti culturali: questa voce ormai è affermata dai media, dalle istituzioni e capìta dalla gente. Possiamo però chiederci perché sia così difficile abbattere la convinzione che le donne siano inferiori, sottomesse,oggetti di possesso, dipendenti dall’uomo.
Questo concetto è un archetipo – dal greco “modello originario” -, per Jung un’idea radicata profondamente nell’inconscio, non solo individuale, ma collettivo, e tramandata di generazione in generazione.
Così profondamente radicata, da non essere solo appannaggio degli uomini, ma anche delle donne, che in tal modo diventano complici del perpetuarsi della convinzione e dei modi nefasti per attuarla. La nostra società ne è pervasa attraverso le immagini che vediamo, le parole che diciamo, tutto quello che accettiamo.

sabato 6 agosto 2016

"Nuove storie dal Vicolo della Polvere Rossa", di Xiaolong Qiu

(a cura di Mimma Zuffi)


Marsilio Editore - pagg. 234 - € 17,50


Bentornati in Vicolo della Polvere Rossa. Nel cuore pulsante e antico di Shanghai, l'ormai veneranda tradizione della conversazione serale prosegue ininterrotta: quale occasione migliore, dopo una giornata di duro lavoro, per ritrovarsi e tenersi aggiornati sulle nuove vicende politiche, ma soprattutto sulle storie personali degli abitanti del quartiere? Perché tutto può accadere, in Vicolo della Polvere Rossa. Un'anziana aristocratica ora è una ieratica venditrice di ghiaccioli, che dispensa dalla sua carriola traballante. Per colpa della Rivoluzione Culturale, un libraio-filantropo è costretto a reinventarsi erborista (di grande successo). Una ragazza qualsiasi, carina ma priva di titoli di studio, accetta di diventare la concubina di un ricco uomo d'affari di Taiwan. Una cuoca disillusa si è trasformata in una ricchissima immobiliarista.


giovedì 4 agosto 2016

MATTATOIO N. 5 - O LA CROCIATA DEI BAMBINI

di Selene G. Rossi


Edizione italiana di Mattatoio N. 5
Billy Pilgrim, protagonista di Mattatoio N. 5 – o La crociata dei bambini di Kurt Vonnegut, non ha la stoffa dell’eroe. Sua grande dote è quella di viaggiare nel tempo, libero dai vincoli che questo impone a tutti gli esseri umani, muovendosi liberamente avanti e indietro, rivivendo i momenti della sua nascita, della sua morte e di tutti gli eventi che hanno caratterizzato la sua esistenza. “Così va la vita,” una delle battute più famose del libro, ripetuta ogni volta che muore qualcuno, indica la profonda passività di Billy, caratteristica che gli permette di accettare tutto ciò che gli capita. È grazie a questa sua “dote” che è in grado di passare sopra a tutto senza mai arrabbiarsi. Ciò si evince, per esempio, quando attraversando un ghetto abitato da neri ignora tutta la sofferenza di cui è testimone, rendendoci suoi complici nell’accettazione di ciò che è ma non dovrebbe essere.
Mattatoio N. 5, una sorta di autobiografia in cui Vonnegut ripercorre le esperienze da lui vissute durante la II Guerra Mondiale, è scritto come se fosse un romanzo storico/fantascientifico.

mercoledì 3 agosto 2016

"Il Grido" di Mimma Zuffi




L'arena bagnata,

un vento impetuoso:
il gabbiano è caduto.
Un grido nell'aria:
è la preghiera della compagna.



martedì 2 agosto 2016

"IL MALNATT", di Emilio Magni

(a cura di Mimma Zuffi)

Mursia Editore - pagg. 200 - € 15,00

«Portare a casa la ghirba.» Nel mare di guai in cui era finita, in quel paese così lontano, le tornava alla mente il parlare di casa sua, di sua madre, dei paesani. L’improvviso ricordo, emerso con forza tra i mille atroci pensieri, le diede un po’ di coraggio.
Andreino, gigolò di professione, mascalzone e giocatore d’azzardo. Consolata, abbondante ragazzotta rimasta zitella con un grande bisogno d’amore. Due brianzoli anomali che, negli anni Sessanta, lasciano la vita comoda e sicura della provincia, per andare in cerca di libertà. L’India è la loro meta, terra di hippy, di droghe, di amore libero ma anche di miseria, di avventurieri senza scrupoli, di traffici indicibili.

"Le mille luci del mattino", di Clara Sanchez

(a cura di Mimma Zuffi)

Garzanti editore - pagg. 272 - € 18,60

CLARA SANCHEZ, autrice di Il profumo delle foglie di limone e Le cose che sai di me


TORNA CON IL NUOVO ROMANZO
LE MILLE LUCI DEL MATTINO

Madrid. La luce si riflette sulle immense pareti a specchio del palazzo. Emma guarda dalla finestra il mondo che si perde in quell’intenso bagliore. È seduta alla scrivania di un ufficio con cui non ha alcuna affinità. Perché fare l’impiegata in una grande azienda non è mai stata la sua aspirazione. 
Ma Emma deve ricominciare dopo il fallimento della sua storia d’amore e del sogno di diventare una scrittrice. Il posto di assistente è arrivato al momento giusto.

lunedì 1 agosto 2016

buone vacanze

Buon agosto ovunque voi siate…e continuate a leggerci…Vi proporremo libri nuovi, libri che hanno avuto successo, articoli già pubblicati e con un alto numero di visualizzazioni.

Mimma