!-- Menù Orizzontale con Sottosezioni Inizio -->

News

mi piace

lunedì 30 giugno 2014

Intervista a un giovane e promettente scrittore agli esordi

(a cura di Mimma Zuffi)

Si chiama Luca Romani, lo conosco da qualche tempo e quando lessi la prima stesura di "Non ho voglia del destino" pensai subito che avrebbe "sfondato", doveva solo trovare l'Editore giusto! E così è stato. Una "piccola ma grande" Casa Editrice (Edizioni Leucotea) ha creduto in lui, ha pubblicato il suo romanzo e l'ha presentato al Salone del Libro di Torino. Quale miglior trampolino di lancio?

Ci siamo rivisti e non potevo farmi sfuggire l'occasione di fare quattro chiacchiere con lui:

domenica 29 giugno 2014

"La misura della felicità", di Gabrielle Zevin

(a cura di Mimma Zuffi)
Nord Edizioni - pagg. 320 - € 16,00


Nessun uomo è un’isola.
 Ogni libro è un mondo.

Un inno all'amore per i libri, per chi li fa, per chi li scrive e per chi li vende.

Un inno all’amore:
l’amore di un padre per la figlia
l’amore di un uomo per una donna
l’amore di tutti noi per i libri e per la lettura

Come una bambina insegnò a un libraio ad amare i libri

Dalla tragica morte della moglie, A.J. Fikry è diventato un uomo scontroso e irascibile, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (mentre quelli che non vende gli ricordano quanto il mondo stia cambiando in peggio) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di «abbassare i prezzi». 

"La musica è cambiata" di Roddy Doyle

(a cura di Mimma Zuffi)
Guanda Editore - pagg. 350 - € 18.00

Jimmy Rabbitte è tornato. Sono passati anni dall’avventura dei Commitments, ma la sua passione per la musica è sempre la stessa. Dismessi i panni del manager improvvisato, ora è padre di famiglia e mantiene i quattro figli andando a scovare vecchie band dimenticate per rispolverarne i successi e riproporli ai fan. Ma proprio quando tutto sembra andare per il meglio, Jimmy finisce in un grosso guaio, anzi due: l’attività comincia a risentire della crisi economica e gli viene diagnosticato il cancro. Eppure non si dà per vinto. Ritrova il vecchio amico Outspan, chitarrista dei Commitments, che di salute sta peggio di lui, e riallaccia i rapporti anche con Imelda, una delle coriste, con cui recupera il tempo perduto… 

giovedì 26 giugno 2014

"La congiura dei potenti" di Carlo A. Martigli

(a cura di Mimma Zuffi)

Da questo mese riprendiamo tutte le nostre rubriche. Desidero dare il via a  "4 passi in libreria" presentandovi un libro fresco di stampa e scritto da Carlo A. Martigli, un autore che già in aprile avevo recensito ("Carlo A. Martigli, scrittore di successo").
Ecco a voi la sua ultima fatica.

Longanesi Editore 
Collana »La Gaja Scienza« - 350 pagine, 14.90 €


I retroscena del conflitto tra Chiesa e Luteranesimo.
Un romanzo storico che racconta la nascita di quella forma
del potere economico che ancora oggi governa le nostre vite

Worms 1521. Costretto dalla Dieta dei principi del Sacro Romano Impero, presieduta dall’imperatore Carlo V, ad abiurare alle sue tesi eretiche, Lutero si rifiuta e difende la propria posizione di critica radicale alla decadenza della Chiesa di Roma. Salvato da Federico di Sassonia che organizza un finto rapimento per sottrarlo alla giustizia imperiale, il monaco ribelle trova rifugio in casa del banchiere Jacob Fugger, “re di danari”. 


mercoledì 25 giugno 2014

Incontro con Benedetta Tobagi

di Annalisa Petrella

Benedetta Tobagi arriva puntuale all’appuntamento alla biblioteca “Casa di Khaoula”: è giovane, del ’77, semplicissima, maglietta verde acqua con collanina in colore, jeans, una massa di capelli neri lucenti e un grande sorriso, quello del padre, Walter Tobagi, assassinato a Milano, sotto casa, dalla Brigata XXVIII marzo, il 28 di maggio del 1980. 
Benedetta gli assomiglia in modo impressionante e, mentre chiacchieriamo piacevolmente tra torte salate e un calice di Pignoletto, coglie il mio sguardo indagatore che la osserva, stupito per tale somiglianza. Lei mi sorride e sottovoce mi dice: - Lo so. Lo notano tutti. –
Benedetta Tobagi con Annalisa Petrella
E’ contenta perché è appena rientrata da Trapani dove ha festeggiato con i parenti e gli amici di Mauro Rostagno, ucciso a Trapani nel 1988, l’uscita della sentenza definitiva che condanna finalmente i responsabili dell’omicidio di stampo mafioso, dopo ben 26 anni. I tempi della risoluzione, quando avviene, dei processi sulle stragi, sono spaventosamente lunghi e la solidarietà tra i familiari delle vittime diventa un sostegno e una forza reciproca, come se il dolore della perdita invece di indebolirli li rendesse più determinati, e Benedetta ne è un esempio vigoroso. 




domenica 22 giugno 2014

Le corde dell'anima: il serio e il faceto

di Vincenzo Zaccone 


La splendida Piazza del Duomo e il palco del Festival
(foto di Vincenzo Zaccone)
E poi succede che a fine Maggio si consumi un rito, un appuntamento con cui si sente l'impegno e la voglia di convenire (nel senso letterale del termine), perché da quattro anni a questa parte ha luogo un festival di originale combinazione: musica e parole. O meglio, parole scritte e parole in musica. O, ancora, emozioni veicolate in maniera diversa, la prima più suggestiva e persuasiva e l'altra più intuitiva e immediata. Insomma, senza dubbio, due mondi contigui, che bene si accoppiano su un palco. Infatti l'evento ha guadagnato in popolarità di anno in anno, aumentando i propri visitatori (75 mila nell'edizione 2013) e attirando l'attenzione di volti noti del panorama musicale e prosaico, da tutt'Italia e dal mondo. Non può che aggiungere fascino la cornice del centro storico di Cremona, le botteghe dei liutai che si affacciano a ogni angolo, le vie pedonali che accolgono la gente che si sposta da un luogo all'altro della manifestazione, lungo la linea tracciata dal fitto programma della manifestazione. 

venerdì 20 giugno 2014

"Quattro sberle benedette" di Andrea Vitali

(a cura di Mimma Zuffi)
Garzanti Editore - pagg. 384 - € 16,40

In quel fine ottobre del 1929, sferzato dal vento e da una pioggerella fastidiosa e insistente, a Bellano non succede nulla di che. Ma se potessero, tra le contrade volerebbero sberle, eccome.
Le stamperebbe volentieri il maresciallo dei carabinieri Ernesto Maccadò sul muso di tutti quelli che si credono indovini e vaticinano sul sesso del suo primogenito in arrivo, aumentando il tormento invece di sciogliere l’enigma, perché uno predice una cosa e l’altro l’esatto contrario. Se le sventolerebbero a vicenda, e di santa ragione, il brigadiere Efisio Mannu, sardo, e l’appuntato Misfatti, siciliano, che non si possono sopportare e studiano notte e giorno il modo di rovinarsi la vita l’un l’altro.

"Bologna, destinazione notte" di Roberto Carboni

Recensione di Paola Carbellano


Fratelli Frilli Editore
pagg. 213 - € 9,00
Questa recensione ha vinto il concorso "Criticate tutti tranne Shakespeare" organizzato dall'Associazione Culturale "Il paese che non c'è" di Bergamo.

Quando leggerete questo libro dimenticatevi la città di Bologna che avete sempre conosciuto: accogliente, simpatica, civica perché ne troverete un’altra, pericolosa, psicopatica, insostenibile che di solito rimane nascosta tra le ombre dei portici. Queste sono le caratteristiche della città attraverso cui passa di notte, il protagonista Annibale Dori con il suo taxi, facendo attenzione a non rimetterci la pelle. In città infatti si aggira un maniaco che rapisce e tortura a morte le sue vittime. 

mercoledì 18 giugno 2014

Ottanta, ma non li dimostra!

di Giovanni De Pedro


 
E' proprio lui: Paperino!
       Molti quotidiani gli hanno dedicato un articolo ed è stato pubblicato anche un numero speciale di “Topolino” per festeggiarlo, ma nessuno ha avuto  la fortuna di  incontrarlo di persona,  com'è successo a  me e alla mia bassotta Magò.
Era domenica e stavo facendo la mia solita camminata, accompagnato dalla mia cagnolina, nella speranza che Magò perdesse un po' di chili.
Eravamo in collina e passeggiavamo tra cespugli di rose canine e maggiociondoli in fiore, quando all'improvviso la bassotta ha cominciato a correre, con mio grande stupore.

martedì 17 giugno 2014

"Il nostro amore è per sempre" di James Patterson con Emily Raymond

(a cura di Mimma Zuffi)
Corbaccio Editore - pagg. 264 - € 14.90

JAMES PATTERSON
3,5 milioni di libri venduti in Italia
colpisce al cuore con il suo nuovo romanzo:
il libro perfetto per chi ha amato Uno splendido disastro

Pensavamo di fuggire dal mondo
Speravamo di sottrarci alla morsa del tempo

E per un po’ ci siamo riusciti

Axi Moore è una «brava ragazza»: studia, è riservata e non dice a nessuno che il suo desiderio più grande è scappare da tutto. L’unica persona con cui si confida è Robinson, il suo migliore amico, di cui, anche se non lo ammetterebbe per nulla al mondo, è anche pazzamente innamorata. Senza di lui non avrebbe senso fare quel che sta per fare: partire per un viaggio on the road. 

lunedì 16 giugno 2014

"Maleficent", ANGELINA JOLIE, e basta

(attenzione: non contiene semplicemente spoiler, vi racconto tutto sino alla fine)
di Giorgia Cafaro

Diretto da: Robert Stromberg
Sceneggiatura: Linda Woolverton
Cast: Angelina Jolie, Sharlto Copley, Elle Fanning, Sam Riley, Imelda Staunton, Juno Temple, Lesley Manville
Musiche: James Newton Howard
Walt Disney Pictures

Il film inizia con una panoramica della vallata e la voce narrante che vi dice: "Lasciate che vi racconti una vecchia storia e vedrete che la ricorderete".

giovedì 12 giugno 2014

Armenia: dove anche le pietre hanno un’anima


appunti sparsi di viaggio di Marina Fichera

Un paese incastonato tra i monti del Caucaso, isolato da sempre ma da sempre unito nell’arcaica e profonda fede cristiana e nella fierezza della propria peculiarità, l’Armenia è un luogo dove il tempo si è fermato, o forse è solo più lento. Rallentato come rallenta il battito del cuore dopo una forte emozione, un’emozione che qui si chiama Genocidio. 
Perché è impossibile visitare l’Armenia senza prendere consapevolezza di quel che accadde novantanove anni fa. E’ una ferita aperta, sanguinante di un rosso vivo come le vesti dei monaci che ancora oggi popolano solitari monasteri, una sofferenza silenziosa che accompagna questo popolo austero e dignitoso.

Nel cerchio rosso l'Armenia














mercoledì 11 giugno 2014

"Blue Mondays" di Emily Dubberley

(a cura di Mimma Zuffi)
Casa Editrice Nord


Il romanzo in otto puntate, disponibili in ebook, che ha conquistato l'Inghilterra.
In uscita ogni lunedì a partire dal 16 giugno 2014.



CHI HA DETTO CHE IL LUNEDÌ
È IL GIORNO PIÙ DEPRIMENTE DELLA SETTIMANA?

"Non son degno di tre" di Jon Rance

(a cura di Mimma Zuffi)

Longanesi Editore - pagg. 368 - € 14.90

Una nuova divertente voce della British Comedy
L'esordio di un Bridget Jones al maschile 

Essere un uomo degno di tre non è facile, soprattutto se stai ancora cercando di imparare ad essere degno di due. Ecco a voi Harry Spencer, professore di storia sull’orlo della trentina, amante del cibo spazzatura e terrorizzato dalla prospettiva di diventare adulto. 

"Il cervello universale" di Miguel Nicolelis

(a cura di Mimma Zuffi)
Bollati Boringhieri Editore - pagg. 418 - € 24,00

Un ragazzo paraplegico darà il calcio d’inizio ai Mondiali del Brasile
grazie a un esoscheletro guidato direttamente dal suo pensiero.

Questo incredibile risultato è stato realizzato grazie a Miguel Nicolelis, autore de Il Cervello universale  La notizia è su tutti i giornali e sta alimentando le speranze dei circa 25 milioni di persone che dipendono da una sedia a rotelle.


lunedì 9 giugno 2014

"Grand Budapest Hotel"

Recensione di Paola Carbellano



Un albergo e il suo concierge, un concierge però fuori dal comune: non solo appassionato del suo lavoro ma vero mattatore del soggiorno dei suoi clienti presso il più prestigioso hotel di Zubrowka: il Gran Budapest Hotel. Mr Gustave, questo è il nome del portiere, è gentile, accogliente e premuroso. Non solo, ha un pensiero per ogni avventore soprattutto se donna e attempata, alla ricerca di attenzioni e un po’ di umana benevolenza. E loro, le donne, stravedono letteralmente per lui e gli sono riconoscenti sia con il loro cuore, amandolo, sia con i loro beni, lasciandogli vere e proprie fortune in eredità. 

domenica 8 giugno 2014

"Un'idea di destino" di Tiziano Terzani

(a cura di Mimma Zuffi)
Longanesi Editore - pagg. 496 - € 19,90

Nel decimo anniversario della morte di Tiziano Terzani, i suoi diari inediti.


«Cosa fa della vita che abbiamo un’avventura felice?» si chiede Tiziano Terzani in questa eccezionale opera inedita, che racconta con la consueta potenza riflessiva l’esistenza di un uomo che non ha mai smesso di dialogare con il mondo e con la coscienza di ciascuno di noi.
Un’idea di destino nasce nel 1984 dalla fine di un grande sogno: il desiderio di Tiziano Terzani di poter essere, come corrispondente dalla Cina, uno dei primi testimoni al mondo della realizzazione di una nuova società all’insegna dei principi del comunismo. Nel marzo di quell’anno, però, il governo cinese lo fa arrestare per “crimini controrivoluzionari” per poi espellerlo definitivamente dal paese. 

giovedì 5 giugno 2014

Intervista a ROBERTO BRIVIO

di Mimma Zuffi

21 maggio 2014, era appena finita la presentazione del "compleanno" (20 anni) dell'Umanitaria quando mi trovo dinanzi un vecchio (si fa per dire!) amico: ROBERTO BRIVIO. Non potevo lasciarmi scappare l'occasione di fargli un'intervista, ma c'era troppa gente! Abbiamo deciso che ci saremmo rivisti a breve per parlare dei suoi programmi. E così è stato.
Ecco a voi il nostro "botta e risposta":




martedì 3 giugno 2014

Edna O’Brien - Una Country Girl appassionata e anticonvenzionale

di Annalisa Petrella
«È strano, ma l’Irlanda nutre l’immaginazione dei suoi autori e allo stesso tempo li fa scappare»
Edna O’Brien ha superato gli ottanta, è alta, maestosa, capelli ramati, occhi verdi, e riesce, con la propria immagine, a conquistare lo schermo. Nelle recentissime interviste televisive i primi piani mostrano una donna ancora bella che presenta la sua autobiografia, “Country girl”, l’ultimo libro che non avrebbe mai pensato di scrivere, ma che ha voluto realizzare per sconfessare alcune affermazioni infondate sulla sua persona, come donna e come scrittrice.

lunedì 2 giugno 2014

Elda Lanza Commendatore al Merito della Repubblica

(a cura di Mimma Zuffi)

La casa editrice Salani (Gruppo editoriale Mauri Spagnol) è lieta di annunciare che il 2 giugno la scrittrice e giornalista Elda Lanza ha ricevuto l'onorificenza di Commendatore al Merito della Repubblica Italiana conferitale dal Presidente Giorgio Napolitano per meriti civili e culturali.

"Un piccolo gesto crudele" di Elizabeth George

(a cura di Mimma Zuffi)

Longanesi Editore - pagg. 600 - € 18, 60

Un'indagine tutta italiana per la regina del giallo


Quando la piccola Hadiyyah scompare dalla sua casa di Londra non c’è nulla che il padre, il microbiologo professor Taymullah Azhar possa fare, visto che a portar via la piccola è stata la madre, che si è trasferita a Lucca per seguire il suo nuovo amore. Ma cinque mesi dopo la bambina sparisce davvero da un mercato della cittadina e sul caso si accendono i riflettori dei media. A indagare sul probabile rapimento della bambina è il sergente Barbara Havers, di Scotland Yard, che insieme al suo mentore e superiore Thomas Lynley dovrà affrontare una situazione delicata in cui si mescolano questioni razziali, difficoltà linguistiche e la determinazione di un magistrato italiano di trovare un colpevole a ogni costo.

domenica 1 giugno 2014

Vanessa Roggero, “Il cuore selvatico del ginepro”. L’emarginazione di una donna, una strega, in Sardegna alla fine dell’Ottocento

Di Tiziana Viganò

Vanessa Roggero, “Il cuore selvatico del ginepro”, 2013 Garzanti

Molto triste, ma anche molto reale questo romanzo di Vanessa Roggero che racconta un’antica storia di donne, dove riti e credenze millenarie, paure e superstizioni condizionano la vita della protagonista  Iannetta Zara e cercano di distruggerla. La colpa della  bambina è di essere nata settima figlia di sette figlie, e per questo è maledetta, marchiata indelebilmente come coga, strega.
 “... a lei e alle sue sorelle era stato fatto ferreo divieto di avvicinarsi all'ultima nata ... In realtà anche Jannetta sembrava comprendere che oltre un certo limite non era consentito andare e perciò studiava le sorelline di nascosto, specie quando stavano con mamma Assunta per imparare a leggere e scrivere”.