!-- Menù Orizzontale con Sottosezioni Inizio -->

News

mi piace

giovedì 31 dicembre 2015

Buon Capodanno 2015

Mimma e tutti i collaboratori di
sognaparole.blogspot.it
augurano un felice Capodanno!

lunedì 28 dicembre 2015

LA NUOVA DIETA VEGETARIANA DEGLI ITALIANI

(di Mimma Zuffi)

Il numero dei vegetariani è in costante crescita nei Paesi industrializzati, anche se le stime per l'Italia continuano a fornire dati altalenanti (vedi i vari rapporti Eurispes degli ultimi anni) ma i nutrizionisti e la classe medica in generale non sono ancora preparati di fronte alle richieste di questa crescente massa di persone.
A Voi l'esempio di un primo giorno di menu di base di dieta vegetariana:

sabato 26 dicembre 2015

Una storia vera: Tartufino - Smeraldino

di Sandra Romanelli


Desidero dedicare queste righe al mio splendido gattino, adottato grazie a Fiorella, una signora che qualche anno fa svolgeva il lavoro di custode nello stabile dove abitavo. 

Ogni mattina Fiorella partiva dalla sua cascina nel lodigiano per venire a lavorare a Milano e la sera, come molti altri pendolari, tornava a casa. Parlavo spesso con lei. Mi piaceva ascoltarla quando raccontava della vita libera e tranquilla che trascorreva in campagna durante il  fine settimana, ma soprattutto mi affascinava quando mi metteva al corrente delle molteplici avventure della sua gatta...
Aveva una simpatica gattina dal pelo fulvo, Rossina, della quale mostrava orgogliosamente le foto. Bella lo era di sicuro, ma era anche una grande cacciatrice e un'agguerrita combattente contro tutti gli animali a lei non graditi. Tuttavia, poiché Rossina era molto prolifica, Fiorella era sempre in cerca di persone  che amano i gatti per poter accasare i nuovi cuccioli e, fortunatamente, ci riusciva quasi sempre. 

venerdì 25 dicembre 2015

mercoledì 23 dicembre 2015

BABBO NATALE ESISTE! IO L'HO VISTO!

di Giovanni De Pedro

Un giorno come tanti, una mattina di dicembre imbiancata dalla neve, esco per recarmi al lavoro. Mi piace sentire i rumori ovattati dalla candida coltre, poche automobili viaggiano sulle strade innevate e il tram è sempre il mezzo più veloce per arrivare in centro città. 
Dai finestrini bagnati vedo scendere i fiocchi di neve, attraversare il mio sguardo che scruta le vetrine addobbate con pini artificiali e luci a intermittenza.
Scendo dal tram e passo sotto la Torre Velasca, osservo i sorrisi e la pace creata dall'atmosfera natalizia. Arrivo alla mia meta, La Mimosa, il negozio in cui ogni giorno presto la mia opera e dove le mie mani esperte (scusate la modestia!) creano oggetti di cartone rivestendoli con mille fantasie di carta.
All'interno mi aspetta una novità, un uomo vestito da Babbo Natale seduto su una poltrona sembra in attesa di esaudire i desideri di qualche bambino. Stupito, mi avvicino per indagare.
- Non sapevo che avessero assunto qualcuno per fare le veci di Babbo Natale, complimenti per il travestimento - dico in tono scherzoso.
- Figliolo, credo che tu abbia frainteso. Io sono il vero e unico Santa Claus! - ribatte l'anziano signore.
Questo è il vero e unico Santa Claus

martedì 22 dicembre 2015

"La fabbrica dei CUCCIOLI", di Ilaria Innocenti e Macri Puricelli

(a cura di Mimma Zuffi)

Edizioni Sonda - pagg. 96 - € 12,00

Fermiamo il traffico internazionale: l’amore non si compra.

Un reportage toccante e sconvolgente
sullo sfruttamento e la sofferenza
dietro il traffico dei cuccioli in Europa:
i dati, le storie, i personaggi insospettabili.
Una testimonianza del dolore delle madri: sconosciuto, silenzioso, lontano dai nostri occhi e dalle nostre coscienze.
Per salvare la vita a tanti cuccioli «fabbricati» per soddisfare la moda del momento,
assieme a quella delle loro madri sfruttate
fino all’ultima gravidanza.
Per rendere consapevoli i cittadini dell’importanza dell’adozione da un canile o gattile, invece dell’acquisto.



"IL GATTO CHE VOLEVA SAPERE", di Silvia Vugliano

(a cura di Mimma Zuffi)


Mursia Editore - pagg. 74 - € 12,00

Un racconto tutto giocato tra realtà e fantasia, immaginazione e pensiero, serio e faceto. Fantasmino – un gatto bianco, grassottello, dai grandi e luminosi occhi azzurri provvisti di peculiari capacità espressive – si pone degli interrogativi di carattere spirituale sul senso della vita, e in particolare sull’Aldilà e sulla figura di Gesù. Intraprende quindi un viaggio di formazione per cercare le risposte alle sue domande. E finirà per trovarle. Risposte «felinamente filosofiche».

Silvia Vugliano (Milano 1953) vive in Toscana dove si occupa di problematiche ambientali e di sviluppo del territorio. Ha partecipato alla fondazione di diverse organizzazioni locali nella provincia di Arezzo con finalità differenti, ma tutte attinenti alla tutela del paesaggio. Ha scritto due libri di interviste patrocinati dal Comune di Castelnuovo Berardenga (Siena), La guerra addosso e Donne valorose, centrati sul passaggio del fronte durante la Seconda guerra mondiale.

"TRANS. STORIE DI RAGAZZE XY", di Monica Romano

(a cura di Mimma Zuffi)


Mursia Editore - pagg. 196 - € 13,00

«Sei maschio o femmina?» È il 1986 quando Ilenia si sente fare per la prima volta questa domanda. Al momento non sa cosa rispondere, non vuole essere diversa, è e basta. Ilenia è una persona che non si arrende e scompiglia fin da subito le carte del destino: nonostante bullismo, discriminazione, violenze fisiche e verbali, si laurea, trova un lavoro e un amore inaspettato, quello per una donna.Le paure, le battaglie, le ferite, i traguardi di una giovane trans, che come tante altre ragazze XY, lotta per una vita serena e autentica, verso la libertà di genere e il pieno diritto di cittadinanza per le persone transgender. 

Monica Romano è attivista del movimento per i diritti delle persone LGBT. Ha una lunga militanza iniziata nel 1999 presso l’associazione Arcitrans. Ha fondato l’associazione «La Fenice» – Transessuali & Transgender Milano, di cui è stata presidente fino al marzo del 2009. Si è laureata in Scienze Politiche nel 2007, con una tesi sulla discriminazione nel mondo del lavoro delle persone transgender. È autrice di Diurna. La transessualità come oggetto di discriminazione (2008). Ha contribuito alla realizzazione di due documentari sulla realtà transgender.

"Rosso di sera. Conversazione tra Fausto Bertinotti e Carlo Formenti", di Fausto Bertinotti

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book - collana“Fuoripista”
120 pagine, € 12.00

La caduta del Muro di Berlino sembrava promettere un grande futuro per la socialdemocrazia, regalandole il monopolio della rappresentanza dei principi e dei valori della sinistra. Non è stato così: quell’evento non ha segnato solo la fine del comunismo, ma anche quella di tutte le forze che si richiamavano in varia misura alla tradizione del movimento operaio, socialisti e socialdemocratici compresi. 

"Polittico toscano" di Emilio Giannelli

(a cura di Mimma Zuffi)


Marsilio Editore - € 16,50

Il personaggio dell’anno non può che essere Matteo Renzi, il bambinello sceso in politica per liberarci e redimerci dal peccato; un bambinello sorretto da Maria Elena Boschi, «umile e alta più che creatura, termine fisso d’etterno consiglio». 
La raffigurazione non può che essere su fondo oro di scuola toscana, con al vertice un silenzioso Mattarella, sulla sinistra ancora un po’ di rosso con Bersani e sulla destra Verdini, tutti uniti nel quadro politico attuale: non è un ex voto, il voto, dicono, ci sarà nel 2018. Berlusconi e D’Alema guardano da un’altra parte.

PONTE DELLE ARTI Storie per entrare nell'arte!

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book

Pensiamo anche ai ragazzi!


PIRATI, POSTINI VOLANTI, GIOCATTOLI CHE SCRIVONO A BABBO NATALE, PECORE CHE NON HANNO PAURA DEI LUPI CATTIVI, STELLE, MONDI INCANTATI, PIANETI, BIG BANG...
CE N'E' PER TUTTI I GUSTI, PER UN NATALE DA LEGGERE E SFOGLIARE



Una serie di albi illustrati dedicati all'arte, alla fiction e ai grandi artisti di tutti i tempi: Picasso, Chagall, Leonardo, Van Gogh, Matisse. I grandi artisti e le loro opere ispirano storie di fantasia alla scoperta di mondi pieni di incanto. Dalla preistoria all'arte contemporanea.




"IL PROFUMO DI CORINNE" di Marco Innocenti

(a cura di Mimma Zuffi)

Mursia editore - pagg. 298 - € 16,00

Bella senz’anima, due occhi di pietra azzurra, un’eleganza firmata Rochas. Si chiamava Corinne Luchaire e odiava i limiti. Amava, beveva, fumava, ballava, spendeva nel segno dell’eccesso. La chiamavano la «nuova Greta Garbo». Girò una manciata di film, poi si perse nelle notti della Parigi nazista sporca di guerra.
Malata di tisi e di autodistruzione, morì a 28 anni, soffocata dal sangue dei suoi polmoni sfiniti. Questa, romanzata e liberamente interpretata, è la sua storia. Il racconto di una donna, di un’inquietudine, di un destino.

Marco Innocenti, giornalista e studioso di storia contemporanea. Il profumo di Corinne è il suo secondo romanzo storico, dopo Una pallottola per Mussolini (2014).

"LA CAPITANA DELL’ISOLA DI NESSUNO", di Mario Di Caro

(a cura di Mimma Zuffi)


Mursia editore - pagg. 144 - € 12,00

La Capitana è tornata sull’isola. E ha una storia da raccontare: la sua. Perché prima di essere la Capitana lei era solo Carmen, una donna bella, indipendente, sensuale, capace di far nascere nella «Bottega delle melanzane» piatti prelibati i cui profumi si trasformano nella promessa di una vita migliore per tutti e di riscatto dalla miseria e dai soprusi. Fiamme nere del malaffare avvolgono la speranza e Carmen deve scegliere: piegarsi o lottare. Anche contro i fantasmi che arrivano dal suo passato. Una favola nera, magica e crudele.

Mario Di Caro è nato a Palermo dove vive e lavora come giornalista di Repubblica. È autore di racconti, tra cui Mezzanotte al Teatro Massimo e L’ultimo miracolo di Santa Rosalia.

domenica 20 dicembre 2015

Intervista a Tatiana Bertolini, editore di Edizioni EmmeTi

di Mimma Zuffi

Abbiamo intervistato Tatiana Bertolini, editore di Edizoni EmmeTi, una piccola ma "grande" Casa Editrice che vale veramente la pena conoscere. 



D. Vorrei cominciare proprio dal concetto di 'editore indipendente'. Ha senso oggi aprire e gestire una casa editrice indipendente mentre il mercato sta andando nella direzione opposta con accorpamenti e fusioni?

R. Direi di si proprio perché all'interno di questi nuovi colossi è sempre più difficile riuscire a mantenere una indipendenza critica e creativa. Pensando alla metafora del pesce grosso che mangia quello piccolo si può dire che alle volte i pesci piccoli riescono a sgusciare tra gli altri e a nuotare liberi. Certo non è pensabile competere sullo stesso piano dei cetacei ma a questo punto entra in gioco la particolarità dell'offerta proposta.

venerdì 18 dicembre 2015

BACCANTI di Euripide

a cura di Giovanni De Pedro

Silenzio in sala, si apre il sipario sulla nuova stagione di Kerkís - Teatro Antico in scena, presso il Teatro San Lorenzo alle Colonne di Milano.
Baccanti di Euripide, che sarà replicato l'1 e il 2 Luglio 2016, è stata la rappresentazione d'apertura e sarà seguita da altre eccellenti opere, tra le quali: Ione di Euripide, Le Rane di Aristofane, Alcesti di Euripide e Anfitrione di Plauto.
La locandina delle BACCANTI

mercoledì 16 dicembre 2015

"Nelle pagine del tempo, le parole salvate dai ricordi", A cura di Alfredo Tamisari

(a cura di Mimma Zuffi)


Edizioni EmmeTi - pagg. 434 - € 22,00
Prefazione di Duccio Demetrio

Il curatore ama definirlo “antidizionario”. Una cosa è certa, invece di asettiche definizioni relative a parole che non usiamo più, possiamo trovare citazioni autobiografiche, che collocano queste parole in uno spazio e un tempo ben definito. 
Nato da un blog, questo libro è il risultato di un lavoro collettivo, cui gli autori hanno partecipato in modo autonomo ma spesso sollecitati dagli scritti altrui,    incuriositi da ciò che all’inizio sembrava solo un gioco.
Attraverso l’esercizio della memoria autobiografica non solo un lavoro di recupero linguistico e, perché no?, di emozioni, ma anche uno spaccato di come è cambiata la nostra società in questi ultimi 50 anni. Un percorso che segue la sua trasformazione da paese rurale a post industriale, e cosa c’è di meglio come viatico in questo viaggio, se non la parola, quella quotidiana, capace di rispecchiare tante singole vite e quindi alla fine, un intero mondo?


VEGAGENDA 2016 Il libro-agenda dei vegani e vegetariani italiani

(a cura di Mimma Zuffi)


Edizioni Sonda - pagg. 432 - € 10,90

Secondo i dati Eurispes ogni settimana in Italia ben 6.000 persone diventano vegane; una tendenza che dimostra la crescente empatia verso gli animali, ma anche una maggiore attenzione per la propria salute e per il pianeta. 
La Vegagenda propone tanti consigli per capire e cambiare le nostre abitudini a favore di scelte più sane e consapevoli. 
Le nostre scelte alimentari hanno riflessi immediati sul nostro pianeta e sui suoi abitanti. È diventato così urgente poter comprendere e scegliere di nutrirsi consapevolmente. Per questo, la VegAgenda di quest’anno vuole invitare i lettori ad imparare a conoscere ciò che mangiamo e anche a come coltivarlo, proprio come ci insegnano Graham Burnett e Annalisa Malerba nel Libro della permacultura vegan. 
Di mese in mese, l’agenda fornirà strumenti ed esperienze pratiche per coltivare e raccogliere il nostro cibo; per migliorare l’alimentazione, la salute e il benessere personali; per adottare uno stile di vita creativo e a basso impatto ecologico, il tutto corredato da squisite ricette. 

I MOSAICI DI RAVENNA, di Jutta Dresken Weiland

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book - pagg. 288 , € 95,00

I mosaici cristiani più famosi del mondo sono splendidamente conservati nell'antica città romana di Ravenna e sono stati preservati dai danni del tempo, del clima e dell'uomo. Una studiosa tedesca legge il significato, monumento per monumento (Mausoleo di Galla Placidia, Battistero della Cattedrale, Battistero degli Ariani, Sant'Apollinare Nuovo, San Vitale,  Sant'Apollinare in Classe) dei grandi cicli dei mosaici, di immagini notissime e di scene e decori poco noti e quasi mai riprodotti con strumentazione fotografica adeguata. Le storie dell'Antico e del Nuovo Testamento si accompagnano a quelle della prima cristianità e dei santi. Simboli e dogmi cristiani che si intrecciano con la storia di Roma, di Ravenna e della corte imperiale bizantina. 

"GATTO KILLER è innamorato", di Anne Fine

 (a cura di Mimma Zuffi)

Sonda Editore - pagg. 128 - € 9,90

Con le illustrazioni di Andrea Musso

Continua la fortunata serie di Tuffy,
perfetto rappresentante del mondo felino, creato da Anne Fine
e illustrato da Andrea Musso.
Indipendente e sornione, egoista
e combina guai, acuto osservatore
del mondo, il nostro Gatto Killer sostiene «che i gatti non hanno proprietari, ma devoti amici adoranti, pronti a offrire loro buon cibo, una casa calda e accogliente... ma poche moine per carità, “non siamo un cuscino...”».

"Sotto la pelle dell'orsa", di Roberta Mazzanti

(a cura di Mimma Zuffi)

Iacobelli Editore - pagg. 72 - € 8,00

Due brevi testi di finissima scrittura tra il memoir e la riflessione.
IL DONO EFFIMERO DELLA BELLEZZA si addentra nel significato, e l’uso, della bellezza del corpo giovane inalberato dalla generazione delle ragazze degli anni Cinquanta, della sua potenza e della sua fragilità nell’impatto con una cultura delle madri fatta ancora di pudore e cautela. Delle difficoltà di gestirla, quella bellezza, tra ostentazione e nascondimento, a volte fino alla tentazione di cancellarla con il rifiuto del cibo. 
In PASSI INCERTI c’è una figlia che osserva, ricorda, si sdoppia, allontana e ritrova la propria madre, e nell’andirivieni vuole capire qualcosa di entrambe. 



"Barcelona mi amor", di Melinda Miller

(a cura di Mimma Zuffi)
Editore: Tre60 - Pagg.256 - € 13,00
 - Ebook:€  6,99



DOPO LONDON IN LOVE, MELINDA MILLER VOLA IN SPAGNA
E CI FA INNAMORARE DI BARCELLONA!


Un romanzo per chi ama sognare, tra libri e gourmet

A Barcellona il 23 aprile è il giorno di Sant Jordi, la festa degli innamorati e dei libri. Chi si ama si scambia un regalo: le donne ricevono una rosa, gli uomini un libro.
Proprietaria della libreria Bésame Mucho, Paloma ama quel giorno più di ogni altro, e sa consigliare sempre il libro perfetto da regalare, specialmente se si tratta di un dono che deve «valere» come dichiarazione d’amore. Eppure, lei, l’anima gemella non l’ha ancora incontrata...
Enrique è un uomo affascinante, giornalista affermato con una passione smodata per la buona cucina ed un segreto che custodisce gelosamente. 

Outsider Art Contemporaneo Presente, Collezione Fabio e Leo Cei - A cura di Giorgio Bedoni

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book - pagg. 248 - € 25,00



 L'Art Brut deve il suo riconoscimento al celebre pittore e scultore francese Jean Debuffet (1901-1985), che ha coniato tale termine come affrancamento dalla «cultura asfissiante» della prima metà del Novecento. Nel 1972, lo storico inglese Roger Cardinal indica con il termine «Outsider Art» ancora una volta l'espressione di uno spirito creatore che non segue alcun modello stilistico predefinito.

lunedì 14 dicembre 2015

Rosaria Andrisani – Un firmamento pieno di stelle – (2015) Flower edizioni

Recensione di Tiziana Viganò               
Un firmamento di stelle flower-ed-228x228

Un velo sottile e leggerissimo è sospinto dal vento, colorato di parole, intessuto di emozioni che mutano mentre si srotolano nell’aria. Prendono forza, diventano più intense, pesanti, attorcigliate, ma poi si aprono e riprendono levità. La brezza marina che spira tra gli ulivi del Salento accompagna con la sua musica la danza del velo nei colori abbaglianti della Natura.
Pudore antico, spontaneità e riservatezza non tolgono, ma danno energia ai pensieri e alle emozioni di Rosaria Andrisani, che con versi brevi e immagini rapide rivela lampi d’esistenza e sentimenti che si fanno materia pulsante di vita e di affetti. 


sabato 12 dicembre 2015

"Le figlie degli altri" di Richard Stern

(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book, collana Calabuig
pagg. 288 - € 15,00

Introduzione di Philip Roth
Traduzione dall'inglese di Vincenzo Mantovani


"E' COME SE CECHOV AVESSE SCRITTO LOLITA"
Philip Roth

"UNA FUSIONE DI ROMANTICISMO E DI IRONIA"
New York Times


Un professore di Harvard si innamora di una studentessa, e abbandona per lei la rassicurante monotonia di una vita già tracciata. Ma il mare aperto del nuovo amore lo porta a sperimentare, con l'ebbrezza della felicità, una inattesa nostalgia, un cocente senso di perdita. 

"L'economia del bene e del male", di Tomas Sedlaček

(a cura di Mimma Zuffi)

Garzanti editore

L'ultima spaventosa crisi economica – quella che stiamo subendo in questi anni – ci obbliga a riflessioni radicali sul mondo intorno a noi, sugli altri e su noi stessi. In particolare, ci costringe a ripensare il nostro rapporto con il denaro, in una società dominata dal principio dell'avidità e dell'arricchimento a qualunque costo, dove la speculazione finanziaria produce incontrollabili effetti perversi. Lo squilibrio tra ricchezza e povertà è un tema su cui gli esseri umani riflettono da quando è nata la civiltà. Tomas Sedlaček  ha avuto un'intuizione semplice e geniale: rileggere in questa prospettiva i testi che hanno ispirato l'umanità, sia opere di carattere religioso – dal Vecchio Testamento al Talmud al Corano – sia opere filosofiche, ma spaziando anche in altri ambiti quali il mito, la psicologia, la letteratura, il cinema.


"L'altra mammella delle vacche amiche (un'autobiografia non autorizzata)", di Aldo Busi

(a cura di Mimma Zuffi)

Marsilio Editore - pagg. 468 - € 18,00

Sapendo di non avere nessuno da cui copiare, stavolta Aldo Busi ha deciso di plagiare se stesso. Ma L’altra mammella delle vacche amiche non è affatto il riciclo di Vacche amichee nemmeno il suo seguito o la sua riscrittura: ne è lo sradicamento finale in forma di romanzo, il salto mortale della letteratura dalla padella della sessualità, umana a parole e maialesca nei fatti, alla brace politica della carne soprattutto femminile, e cotta a puntino. Quante finte amiche premono e si accalcano in queste pagine sperando di apparire uniche, diverse dalle altre, tutte vacche al trogolo. Sono donne a priori e a oltranza, petto in fuori e psiche in dentro, impazienti di farsi macellare, insaccare e mettere in vendita, meglio se da uno scrittore imprendibile, ricco non solo di sense of humour ma anche di disarmante tenerezza, con la sua capacità di cogliere, in una fetta di salame tagliata di sbieco, il trasalimento di un’emozione in agguato sin dall’infanzia. 

"Le stagioni di Zhat" di Sonallah Ibrahim

a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book -  collana Calabuig
pagg. 400 - € 18,00

Nell'appartamento piccolo-borghese di un condominio del Cairo, Zaht vive una vita affollata di eventi piccoli e grandi, popolata di amiche, vicini di casa, negozianti del quartiere, le cui esistenze si intrecciano con la sua. Sullo sfondo della Storia - che, senza che lei se ne renda conto, determina la sua vita - Zhat, immersa nella quotidianità, amante dei pettegolezzi, preoccupata della spesa, è un personaggio pieno di colore e di ironia. Ritratto di un'anti-eroina, sempre baldanzosa e sempre sconfitta, e di un paese incalzato dal degrato, il romanzo si srotola in pagine dove la simpatia umana si mescola alla crudezza della satira.


"Il proiezionista", di Abe Kazushige


(a cura di Mimma Zuffi)

Jaca Book - Collana Calabuig
Pagg.224 - € 14,00

Onuma lavora come proiezionista in un piccolo cinematografo di Tokyo, quando un incidente imprevisto lo catapulta in una girandola di strane avventure, tra uomini della yakuza e ragazzine troppo adulte, falsi amici e studenti perversi. Muovendosi tra rimandi alla cultura pop e potenti scene di desolazione urbana, Abe Kazushige scolpisce la figura di un protagonista indecifrabile, attratto dalla violenza e ossessionato dalle canzoni di Julio Iglesias; esperto di lotta ma spesso impacciato nelle situazioni di pericolo. E ne esplora i sottili disagi in una storia dagli eccessi quasi onirici.


"Una storia che combina soprannaturale e reale. L'autore, pluripremiato, ravviva la letteratura poliziesca con una robusta iniezione di Tarantino."
Liberation

giovedì 10 dicembre 2015

"Un terremoto a Borgo Propizio", di Loredana Limone

 recensione a cura di Francesca Altobelli




Dopo il riuscitissimo secondo capitolo delle vicende di Borgo Propizio ("E le stelle non stanno a guardare"), di cui abbiamo già parlato, è arrivato il terzo e altrettanto delicato libro dal titolo apparentemente più funesto: "Un terremoto a Borgo Propizio". Ritroviamo le stesse atmosfere, la stessa piacevole sensazione di un posto senza tempo, senza collocazione fisica e gli stessi spassosissimi personaggi a cui non ci si può che affezionare. Per chi li conosce già sono una gradevole conferma, un'occasione per osservarli con più attenzione e profondità, per chi vi si imbatte la prima volta sono una dolcissima scoperta, l'opportunità di incontrare figure molto diverse tra loro, ma tutte caratterizzate da un tono di leggerezza e simpatia che li rende irresistibili. Dopo il festival dell'anno prima che aveva dato lustro e visibiltà al bellissimo borgo, ritroviamo la vita del paese uguale e scandita dagli stessi eventi e dalle vite quotidiane dei suoi abitanti. 

martedì 8 dicembre 2015

Alla ricerca di un libro "particolare"

di Mimma Zuffi

Era la classica brumosa mattina milanese. Voglia di uscire pari allo zero, ma avevo promesso a me stessa di fare un giro in libreria alla ricerca di qualche libro particolare, e che non fosse il solito romanzo, da regalare a Natale.
Vinta la pigrizia mi sono decisa a uscire.
Ecco la mia libreria, ecco che l'occhio mi cade su una copertina color sole!
Meraviglia, deve essere mio e devo far felice qualcuno. Vi domanderete di che libro si tratta.
Questa è la copertina: 

A casa l'ho sfogliato e poi mi sono tuffata nelle pagine di "Comfort Food" di Jamie Oliver. La fascetta reca questa frase "100 piatti famosi da cucinare con amore e condividere". Non male, soprattutto conoscendo la bravura dell'autore.

sabato 5 dicembre 2015

OGGI PARLIAMO DI … HAYAO MIYAZAKI

di Boris Bertolini

PARTE PRIMA


Ci sono dei momenti nella vita, indubitabilmente, in cui veniamo chiamati ad affrontare delle sfide all’apparenza al di sopra delle nostre possibilità, e non sappiamo se dobbiamo essere onorati da cotanto appello o tremare di fronte a ciò.
Questo è ciò che ho pensato e provato nel momento in cui mi è stato riferito che mi sarei dovuto occupare di colui che personalmente ritengo l’autore e regista in assoluto più capace di trasmettere emozioni mai apparso tra di noi: Hayao Miyazaki.



venerdì 4 dicembre 2015

GINO STRADA, UNO UOMO

(di Mimma Zuffi)


Tutti i media ne hanno parlato esaltando il fatto che Gino Strada (diventato chirurgo di guerra per scelta), fondatore di Emergency, abbia ricevuto  il Premio Nobel alternativo al Parlamento svedese "per la sua grande umanità e la sua capacità di offrire assistenza medica e chirurgica di eccellenza alle vittime della guerra e dell'ingiustizia, continuando a denunciare senza paura le cause della guerra".
In quell'occasione Gino Strada ha fatto un appello speciale alla comunità internazionale. "Io sono un chirurgo. Ho visto i feriti (e i morti) di vari conflitti in Asia, Africa, Medio Oriente, America Latina e Europa. Ho operato migliaia di persone, ferite da proiettili, frammenti di bombe o missili. Alcuni anni fa, a Kabul, ho esaminato le cartelle cliniche di circa 1.200 pazienti per scoprire che meno del 10% erano presumibilmente dei militari. Il 90% delle vittime erano civili, un terzo dei quali bambini. È quindi questo 'il nemico'? Chi paga il prezzo della guerra? Ogni volta, nei vari conflitti nell'ambito dei quali abbiamo lavorato, indipendentemente da chi combattesse contro chi e per quale ragione, il risultato era sempre lo stesso: la guerra non significava altro che l'uccisione di civili, morte, distruzione. La tragedia delle vittime è la sola verità della guerra".

Omaggio a ORLANDO SORA, artista del Novecento

 (a cura di Mimma Zuffi)

Giovanna Rotondo, che collabora con sognaparole.blogspot.it,  ha scritto questo libro per rendere omaggio a Orlando Sora del quale fu la "musa".




martedì 1 dicembre 2015

"Chi perde paga" di Stephen King

Sperling & Kupfer - € 19,90
(recensione a cura di Selene G. Rossi)

Ho letto il mio primo Stephen King nell’estate del 1988. Mi ricordo ancora la noia che pervadeva le mie giornate estive fino a quando non vidi nella vetrina di un’edicola un libro che mi attrasse immediatamente: Il Talismano (1983). Da allora sono passati parecchi lustri ma devo ammettere che ancora oggi – pur non avendo amato tutti i romanzi del Re – provo lo stesso brivido di allora ogniqualvolta sento che uscirà un suo nuovo romanzo.
Anche quest’anno non sono stata delusa quando nelle librerie italiane - beati gli anglofoni che possono goderne prima! - ho adocchiato Chi perde paga; ovviamente, non ho perso un minuto e mi sono precipitata ad acquistarlo. Tempo tre giorni e le pagine, una dopo l'altra, erano giunte al termine. Dire che l'ho divorato è dir poco!